Lele Adani è il miglior commentatore calcistico italiano

lele adani in studio

Lele Adani, dopo una buona carriera da calciatore, giunta fino a 5 presenze in nazionale, diventa un commentatore di Sky dal lontano 2012. A noi questo interessa. Dopo anni di semi-anonimato come telecronista, da qualche anno è diventato il nostro narratore principale delle gesta calcistiche.

Un personaggio mistico che fa del calcio la sua ragione di vita, un uomo che mette le sue passioni prima di tutto sempre. Quando telecronisti e commentatori non riuscivano più a stupirci, è arrivato Adani a cambiarci la vita, con le sue urla, la voce cavernosa e i suoi versi incomprensibili.

Le caratteristiche

Adani si distingue in tutto e per tutto dalla massa dei telecronisti italiani.

A partire dall’aspetto esteriore, che lo fa apparire come un personaggio anacronistico, o addirittura fuori dal tempo. Il plus di Lele sta nella voce, caratterizzata da un tono forte e cavernoso, che anche durante le urla non risulta stridente.

Il suo linguaggio è comune ma intenso, condito di tanto in tanto da qualche espressione sudamericana. Espressioni che partono dal cuore e si ramificano nelle mani, sempre pronte a gesticolare, e nella voce, con massime che innalzano il calcio a materia degli dei. A tratti antipatico e saccente, a volte esagerato o poco elegante, ma d’altronde qualcuno con la santità etica non lo conosciamo.

È stato capace di creare episodi di culto, elemento mai scontato per un personaggio pubblico, come “la garrrraaaaaa charruuuaaaaa” (https://www.youtube.com/watch?v=wQON73fjuGs) e i litigi con Allegri (https://www.youtube.com/watch?v=PGsKf5SBKRY).

Ha una passione sconfinata per il calcio, che in lui è lavoro quotidiano. Potrai conoscere qualsiasi giocatore sconosciuto, ma stai sicuro che Lele già l’ha scoperto. Neanche l’innalzamento del suo status ha scalfito il suo lavoro di erudizione calcistica, segno della sua intelligenza. Il suo grande archivio di partite e giocatori, unito ai tanti anni d’esperienza in campo, sia come giocatore che come tecnico, lo rendono di una conoscenza superiore alla media.

Un altro aspetto importante è la sua personalità: non scende mai a patti col suo pensiero. Consapevole e sicuro delle sue conoscenze calcistiche, non ha mai paura delle delle reazioni degli allenatori o, più in generale, di esprimere le sue opinioni. Esempi pratici il litigio sopra citato con Allegri e quello con il presidente del Cagliari Giulini.

Insomma Adani sembra essere perfetto per il ruolo che occupa attualmente: ha lavorato molto sulla sua figura pubblica, ha personalità e soprattutto conoscenze calcistiche. 

La novità 

L’innovazione di Adani è quella di essersi creato un salotto oltre a quello televisivo, dedicandosi assiduamente alle dirette Instagram e ora Twitch con Bobo Vieri e i suoi amici.

Più volte affermato dallo stesso, il calcio è del popolo; Adani lotta in virtù di questo principio, vuole che il pallone sia alla portata di tutti. Questo suo modo di fare l’ha fatto risultare ingombrante all’interno di Sky, mettendolo in contrasto con i vertici della compagnia televisiva e, per questo, spesso relegato ai salotti minori. 

Il suo rapporto da separato in casa con Sky, però, l’ha portato ad entrare nelle case di tutti e non solo quelle degli abbonati, addentrandosi nella incredibile rete dei social e interagendo con i fan, attraverso dirette, sketch, coca zero e “calcio con la f”.                        

Lele ci fa sentire partecipi.                                          

Per questo lo amiamo.



Nicholas Ciaburri

Liceale, appassionato follemente di calcio, calciatore dilettante. Anno 2002

Articoli consigliati